Menu

Cultura e natura, relax e divertimento? Grazie a una programmazione sempre nuova e variegata, al MUSE

Al MUSE mostra NOT IN MY PLANET che affronta la lotta all’inquinamento da plastica.

NOT IN MY PLANET espone una serie di opere fotografiche della pluripremiata fotografa Mandy Barker: immagini di grande impatto visivo composte da rifiuti - sfuggiti al riciclaggio - finiti nelle acque del mare e infine sulle coste. Obiettivo, catturare l’attenzione e far riflettere su uno tra i principali problemi che affliggono i nostri giorni: l’inquinamento e l’incredibile abbondanza di rifiuti. L’esposizione è frutto della collaborazione con il Servizio Gestione degli impianti della PAT, per la lotta all’inquinamento da plastica.

4 le sezioni che la compongono: Shoal, Soup, Indefinitive e Snow Flurry, nelle quali l’artista stimola una risposta emotiva nello spettatore combinando la contraddizione tra attrazione estetica iniziale e successivo messaggio di consapevolezza. Le immagini, rielaborate, sono basate su fotografie di oggetti fisicamente ritrovati sulle spiagge o alla deriva nell’oceano.

L’esposizione fa da spunto per una nuova attività alla grande sfera interattiva del piano della sostenibilità, dal titolo “La plastica al giro di boa”, uno spettacolo scientifico che mira a trasmettere e sensibilizzare la cittadinanza in merito alla problematica dei rifiuti di plastica. Tra esperimenti, problemi e possibili soluzioni, il partecipante compie un piccolo viaggio circolare che ripercorre quello di un rifiuto. Lasciato in un ambiente lontano dal mare, l’oggetto di scarto può trovare la strada delle acque per poi, in qualche modo e con qualche effetto nocivo, “ritornare” al mittente.

Oltre a NOT IN MY PLANET rimane ancora visitabile la mostra GENOMA UMANO, QUELLO CHE CI RENDE UNICI, racconto di cosa determina i talenti personali, l’invecchiamento e come prevenire le malattie. Un’esposizione imperdibile, che affronta interrogativi che ci riguardano profondamente e sui quali, oggi, è focalizzato un settore importante e promettente della ricerca in campo biologico.

 



Commenti disattivati

WhatsApp chat
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: