Menu

Claudio Saccon: il Made in Italy resta il valore aggiunto che il designer cerca.

Tecnologie moderne e fantasia creativa a Euroluce 2019

Tra i settori che contraddistinguono il marchio Made in Italy, il settore design, arredamento e illuminazione occupa un posto di eccellenza nel mercato internazionale.
L’Italia resta leader indiscussa, in che modo le aziende riescono a mantenere alti livelli?
La mentalità imprenditoriale italiana unita ad una struttura idonea competitiva, restano le principali caratteristiche che portano il Made in Italy in tutto il mondo.
In occasione della 58ma edizione del Salone del Mobile di Milano scopriamo le novità.

Claudio Saccon, responsabile dell’ufficio tecnico Sillux, rivela quali sono le novità presentate al Salone Euroluce 2019
“In occasione del Salone del Mobile di Milano 2019, in particolare a Euroluce, quest’anno la Sillux presenta una collezione nuova ispirata al Dna.
Una cascata di vetri in cristallo sorretti da cavi di acciaio che attraversano per intero il tubo di vetro, questa lampada ci dà la possibilità di essere molto flessibili e di adattarla alle varie esigenze che il mercato ci richiede.

Le lampade possono essere adattate a varie location, dove vengono installate possiamo creare dei movimenti di design sempre molto accattivanti in modo da assecondare le esigenze degli architetti che, oggi, ci mettono alla prova con sfide sempre più difficili e importanti, per noi sono degli stimoli all’innovazione.
Questa lampada può essere illuminata dal basso oppure dall'alto, con il sistema di cavi d'acciaio possiamo avere la possibilità di avere anche delle altezze notevoli, abbiamo già richieste e progetti per produrre lampade fino a 6 o 7 metri, ciò ci permetterà di creare delle spirali e dei design più complicati, useremo dei colori creando dei giochi di luce sicuramente ancora più interessanti.
L’esigenza del mercato è la base dalla quale siamo partiti per sviluppare la nuova collezione di lampade destinate specialmente al contract sempre più importante per l’azienda e ci permetterà di entrare in nuovi mercati.

Alla domanda quale sarà il futuro del Made in Italy risponde: “Il Made in Italy per noi è un plus del prodotto, gli architetti di tutto il mondo cercano il design italiano, siamo i più flessibili e i più fantasiosi quindi possiamo assecondare sicuramente le esigenze di tutti i designer a livello mondiale. Per noi il Made in Italy è quel valore aggiunto che il designer cerca”.

Alfonsa Cirrincione



Commenti disattivati

WhatsApp chat
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: