Menu

VI edizione su “L’Anima e le Forme”

Festival della bellezza: i maestri dello spirito

Arturo Brachetti, il più grande trasformista al mondo, mercoledì 12 giugno (ore 21.30) sarà ospite al Teatro Romano di Verona per la VI edizione del Festival della Bellezza – i Maestri dello Spirito.

Brachetti presenta La maschera e i mille volti, un racconto intervallato a momenti di spettacolo sul rapporto tra immagine e identità, personalità e personaggio, realtà e tradizione teatrale.

Quando l’abito fa il monaco.

“Tutto ciò che è profondo ama la maschera”.

“Ogni uomo mente, ma dategli una maschera e sarà sincero”.

 

Festival della Bellezza – i Maestri dello Spirito

Con eventi ideati per il festival, riflessioni in format teatrale, concerti e spettacoli unici e in prima nazionale, teatri sempre esauriti con oltre 50.000 presenze, il Festival della Bellezza è oggi un unicum nel panorama culturale italiano, punto di riferimento per riflessioni sulla bellezza espressa nell’opera di straordinari artisti in scenari storici di grande suggestione architettonica e artistica.

La VI edizione, dedicata al tema “L’Anima e le Forme”, indaga l’espressione artistica dello spirito nelle sue varie espressioni, la musica, la letteratura, la filosofia, la pittura, il teatro, il cinema. Il titolo fa riferimento all’omonimo testo di György Lukács sulle forme del rapporto tra uomo e assoluto. Il festival quest’anno prevede un ulteriore incremento del periodo e degli appuntamenti, in sintonia con l’interesse del pubblico che da anni segue con passione la manifestazione riconoscendone la sua peculiarità.

 

Promosso dal Comune di Verona, il Festival della Bellezza è organizzato dall’associazione Idem con la direzione artistica di Alcide Marchioro. main partner è Cattolica Assicurazioni, partner sono Banco Bpm e Agsm; media partner è Fondazione Corriere della Sera, radio partner Radio Pico, web partner Spettakolo.it

 

www.festivalbellezza.it

 

Arturo Brachetti

Considerato il più grande attore-trasformista a livello mondiale, con fantasia, eleganza e ironia crea i suoi spettacoli attingendo alle stesse fonti dei grandi maestri del cinema e del varietà, come la commedia dell’arte e il variété francese, che hanno ispirato Charlie Chaplin e Federico Fellini.

Erede artistico di Leopoldo Fregoli, dalla fine degli anni Settanta riporta in auge nel mondo l’arte teatrale del trasformismo. Nel 1981 dal successo di Parigi presso il cabaret Paradis Latin passa alla tournée in Germania con il music-hall Flic Flac. Nel 1983 presenta la sua produzione Y al Piccadilly Theatre di Londra, prima di fare ritorno sulle scene in Italia e partecipare come ospite fisso su Rai 1 allo show Al Paradise. Tra una tournée teatrale e l’altra torna a recitare a Londra dove presenta lo show televisivo The Best of Magic, poi il TV show internazionale A Night of Magic Disneyland Paris. Nel ‘94 continua a concentrarsi sulla creazione di musical: Fregoli, che ottiene il Biglietto d’oro per lo spettacolo più visto della stagione, e Sogno di una notte di mezza estate. Nel 1999 presenta un nuovo show a Montréal e nel 2000 vince a Parigi il Premio Molière per il migliore One Man Show L’uomo dai mille volti.

Nel 2001 la sitcom Nikki per la Warner Brothers, nel 2002 il Guinness dei Primati come più veloce trasformista del mondo, nel 2004 l’esibizione all’Eliseo per Jacques Chirac, e poi numerose regie degli spettacoli di Aldo, Giovanni & Giacomo, la laurea honoris causa in Scenografia a Torino, l’onorificenza Chevalier des Arts et des Lettres, quella di Commendatore Ordine al merito della Repubblica italiana, nel 2013 la sua statua di cera al museo parigino Grévin: altre tappe di una carriera sensazionale che culmina nel tour del 2018 con lo show Solo.

È un artista unico, con una galleria di 350 personaggi, di cui 80 interpretati in una sola serata, nella quale canta e recita tutti i ruoli, con scene di interazione e dialogo tra i vari personaggi.



Commenti disattivati

WhatsApp chat
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: