Menu

NEUROCOSMESI: LE CREME CHE COLLEGANO PELLE E MENTE

Prendersi cura del corpo abbracciando lo spirito non è più una fantasia, ma è diventato un comodo trattamento estetico da fare in centro estetico ed anche comodamente a casa. Il legame tra pelle e sistema nervoso non è niente di nuovo in effetti, ma innovativo è il recente interesse verso la neurocosmesi.

COS’È LA NEUROCOSMESI E COME FUNZIONA?

La neurocosmesi agisce sfruttando la relazione tra pelle e sistema nervoso per creare formulazioni cosmetiche che agiscono direttamente sul sistema nervoso, con esiti a favore dell’umore. La pelle è il primo organo che si forma nel grembo materno, che assiste alla formazione di tutti gli organi del nostro corpo rimanendovi collegato attraverso le terminazioni del sistema nervoso centrale, inoltre la cute è considerata come un vero e proprio organo vitale, ricco di neurotrasmettitori che permettono di inviare al cervello tutte le sensazioni percepite e di reagire agli stimoli dell’ambiente circostante.

PAPAVERO BLU E PEPE ROSA: I PRINCIPI ATTIVI PIU’ USATI

Nella realizzazione dei prodotti neurocosmetici, i principi attivi più utilizzati sono solitamente di origine vegetale e agiscono favorendo il rilascio di dopamina e serotonina, comunemente noti come neurotrasmettitori del buonumore. Tra questi ingredienti ci sono per esempio l’olio essenziale di papavero blu e di pepe rosa che non stimolano soltanto la produzione di dopamina, ma decontraggono anche i muscoli del viso, attenuando le rughe d’espressione e donando un viso più disteso. Altri principi attivi molto utilizzati nell’ambito della neurocosmesi sono i peptidi, molecole di aminoacidi necessarie nella reazione tra recettori ed enzimi, tanto apprezzati per le loro proprietà antirughe. Il più conosciuto è l’acetilsapeptide 8 – che simula gli effetti del botulino, ed è largamente in uso nelle creme anti-età, specialmente per il contorno occhi.

LA NEUROCOSMESI E L’ AROMATERAPIA

L’ aromaterapia sfrutta le proprietà terapeutiche degli odori per il raggiungimento del benessere ed è un ramo importante della fitoterapia. La differenza tra le discipline di aromaterapia e neurocosmesi è molto sottile perché entrambi sono strettamente collegate al cervello e alle emozioni. Nel nostro corpo quando arriva un odore alle cellule olfattive iniziano una serie di meccanismi che non solo producono una risposta psichica, data dal risveglio di ricordi legati al sistema limbico, ma stimolano anche una risposta immunologica. Recenti studi hanno ad esempio dimostrato che gli anticorpi della saliva aumentano in presenza di un profumo riconosciuto da noi come gradevole e molto probabilmente perché questo è associato a ricordi felici.

LA NEUROCOSMESI E' ADATTA A TUTTI

L’ approccio alla bellezza proposto dalla neurocosmesi è in continua evoluzione ed il numero di consumatori a cui si rivolge è molto più ampio di quanto si possa pensare. Nel caso di cosmetici biologici certificati, i prodotti risultano adatti veramente a tutti, anche alle pelli più sensibili, ma l’applicazione più frequente della neurocosmesi è però l’anti-età, dove si stanno studiando le migliori sinergie che possano proteggere la pelle dai danni della glicazione, processo indotto anche dalla degenerazione intrinseca delle cellule che con la neurocosmesi, viene notevolmente rallentato.



Commenti disattivati

WhatsApp chat
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: