Menu

Cos’è il tonico, come si usa e soprattutto perché é così importante per il benessere della nostra pelle? Vediamo insieme tutte le caratteristiche di un cosmetico che in molte persone tendono a dimenticare nella cura quotidiana della pelle.

IL TONICO VISO: UN ALLEATO DELLA BELLEZZA

COS’È UN TONICO?
Il tonico è un prodotto cosmetico che si presenta in forma liquida e può avere una base acquosa oppure alcolica, al suo interno sono contenuti principi attivi di vario tipo: rinfrescanti, purificanti, astringenti e decongestionanti.
“ACQUA CELESTE”: IL PRIMO TONICO DELLA STORIA
La prima importante narrazione di ricette in campo cosmetico, fu scritta da Caterina Sforza, in una sua opera intitolata “Experimenti”. Il documento raccoglie tutti i segreti dell’epoca riguardanti: medicina, chimica e cura del corpo. Tra le ricette raccolte da Caterina compare “l'Acqua celeste”, una prima forma di tonico con all’ interno decine di ingredienti che venivano distillati e lavorati, ne facevano parte anche: salvia, basilico, rosmarino, garofano, menta, noce moscata, sambuco, incenso, anice, rose bianche e rosse.
IL TONICO RIEQUILIBRA IL PH DELLA PELLE…
Il tonico ha una funzione molto importante ovvero quella di riequilibrare l’acidità che la pelle possiede naturalmente e che la mantiene protetta dagli agenti esterni. La maggior parte delle acque di rubinetto sono molto “dure”, cioè ricche di calcare e questo contribuisce ad alterare l’ acidità della cute, ecco perché utilizzare il tonico è fondamentale sia dopo aver lavato il viso con acqua che con il detergente, infatti se il ph della pelle aumenta a valori alcalini ossia perde parte della sua acidità, la cute modifica il suo naturale equilibrio ed i fondamentali grassi della pelle non possono essere prodotti quindi perde acqua, si disidrata, diventa maggiormente sensibile e più soggetta alle infezioni per esempio sarà più predisposta alla formazione dei brufoli.
COME USARE IL TONICO?
Il dischetto di cotone imbevuto con il tonico e picchiettato sul viso é il metodo più pubblicizzato ed utilizzato dalle persone, tuttavia con questo sistema una parte del prodotto rimane sul dischetto senza penetrare all’ interno della pelle, quindi la tecnica migliore è non utilizzare il cotone ma applicare il tonico direttamente con le mani, picchiettandolo con i polpastrelli su tutto il viso, al fine di stimolare ed attivare la circolazione aiutando il rassodamento della pelle.
COME SCEGLIERE IL TONICO VISO PIU ADATTO A NOI
In passato erano molto diffusi, ma ci sono ancora oggi in commercio alcuni tonici a base di alcol etilico, un ingrediente utilizzato per favorire la conservazione del prodotto, solubilizzare meglio le essenze, svolgere un’azione astringente e sgrassante. Solitamente la percentuale di alcol presente nel tonico corrisponde al 10%. Un tonico a base alcolica è sconsigliato per le pelli: secche, sensibili, con facili arrossamenti e con presenza di teleangectasie (capillari dilatati) perché l’alcol è un vasodilatatore quindi tenderà ad arrossare e sgrassare ulteriormente la cute. La categoria di tonici da preferire sono quelli senza alcol, la cui parte acquosa è rappresentata da acqua di provenienza termale oppure ricavata dalla distillazione di fiori, petali o foglie di piante ricche in sostanze funzionali.
CURIOSITÁ: “IL BANDELETTES”
La metodica è conosciuta con il nome di “BANDELETTES” e consiste in una maschera ricavata da uno o più fazzolettini di carta, i quali vengono tagliati a strisce, applicati sul viso ed imbevuti di tonico con l’aiuto di un pennello, il tutto viene poi lasciato in posa per 15 minuti. Questo impacco è adatto a tutti i tipi di pelle e risulta molto piacevole e rilassante specialmente durante il periodo estivo.



Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked as *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WhatsApp chat
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: