Menu

Oggi sono molti i cosmetici a base di estratti di lavanda, una pianta che grazie alla sue caratteristiche é uno degli estratti naturali maggiormente tollerati dalla cute. Scopriamo qualcosa in più su questa pianta e sui benefici che apporta alla pelle.

LAVANDA, ECCO COME USARLA PER LA BELLEZZA ED IL RELAX

IN PROVENZA, LA FESTA DELLA LAVANDA

La lavanda, il cui nome scientifico è Lavandula angustifolia, è una pianta appartenente alla famiglia delle Lamiaceae, caratterizzata da piccoli e profumati fiori di color violetto. La pianta è originaria della zona del mediterraneo anche se si coltiva in tutto il mondo. È solo in Provenza però che possiamo ammirare dei paesaggi unici con infinite distese di campi di lavanda, ed è proprio qui che ogni anno, nel mese di giugno e luglio, si festeggia la Festa della Lavanda, un’occasione unica per vedere dal vivo la fioritura ed ammirare ogni sua sfumatura. I fiori freschi della lavanda, vengono utilizzati per creare splendide decorazioni per la casa ed a differenza di tante altre specie mantengono il loro intenso profumo anche una volta essiccati, donando nell’ambiente una sensazione di piacevole benessere. Le sue infiorescenze e le foglie sono ricche di linalolo, elemento responsabile delle principali proprietà terapeutiche della pianta.

LA LAVANDA, FIN DALL’ANTICHITÀ IN MEDICINA E COSMESI

Fin dai tempi dell’antica Roma, la lavanda veniva utilizzata per la detersione e la pulizia del corpo. Alcuni documenti dell’epoca attestano anche un utilizzo prettamente medicinale, per risolvere problematiche come: nausea, singhiozzo e dolori intestinali. Amata per le sue proprietà rinfrescanti e profumanti, venne descritta da Plinio il Vecchio come una delle erbe curative più utilizzate dell’epoca. Durante il medioevo, la lavanda continua ad essere utilizzata solo per la preparazione di medicinali, poi nel periodo elisabettiano inizia ad essere introdotta nel campo della profumeria e viene creato: “The lavander”, il famoso profumo inglese. All’epoca le dame inglesi cucivano dei piccoli sacchetti contenenti fiori di lavanda all’interno delle loro sottane per tenere lontane le tarme ed avere un profumo gradevole, quest’usanza nel tempo è andata perduta ma l’abitudine di inserire sacchettini di lavanda per mantenere profumata la biancheria nei cassetti continua ad esserci ai giorni nostri.

PELLE E CAPELLI, COME USARE LA LAVANDA?

Secondo gli aromaterapeuti, la lavanda produce uno degli oli essenziali più utili contro l’acne, perché inibisce i batteri che causano le infezioni cutanee ed aiuta a regolarizzare le secrezioni di sebo che i batteri sfruttano per proliferare. In questo caso, per apprezzare i suoi benefici è sufficiente aggiungere un paio di gocce di olio di lavanda alla crema abituale, prima di applicarla sul viso. Inoltre grazie alla sua azione lenitiva, la lavanda è in grado anche di agire alleviando pruriti sulla pelle e disinfiammando in caso di scottature, eritemi e dermatiti. I benefici di questa pianta si apprezzano non solo a livello cutaneo ma anche sul cuoio capelluto dove la lavanda è ottima come antiparassitario, infatti una goccia dietro le orecchie è perfetta per la prevenzione dei pidocchi.

LA LAVANDA, UN RIMEDIO NATURALE CONTRO STRESS ED INSONNIA

Al termine di una lunga giornata di lavoro, fare il bagno in vasca con sali e qualche goccia di olio essenziale di lavanda può aiutare ad alleviare la tensione muscolare accumulata di giorno. Questa pianta possiede così tante proprietà benefiche che non viene utilizzata solo in cosmetica ma anche in campo “alimentare”. Può essere, infatti, assunta come bevanda dalle proprietà calmanti e rilassanti e la si può trovare sotto forma di tisana, decotto ed infuso. Con l’arrivo della primavera, molte persone faticano a prendere sonno, si svegliano più volte durante la notte e dormono male con il risultato che si sente poco in forma e si stanca più facilmente. La tisana alla lavanda è molto rilassante, quindi ampiamente consigliata prima di andare a dormire soprattutto per trattare piccoli problemi di insonnia, inoltre per accorciare i tempi dell’addormentamento e garantire un buon riposo notturno, l’ideale sarebbe profumare i lati del cuscino con qualche goccia di olio essenziale di lavanda, che aiuta a creare in camera da letto un ambiente favorevole al relax.



Commenti disattivati

WhatsApp chat
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: