Menu

Continua il progetto per valorizzare la mobilità sostenibile nei percorsi casa-scuola

La mia scuola va in classe A

Nonostante il meteo poco clemente continua per tutto il mese di maggio il progetto di mobilità sostenibile "La mia scuola va in classe A". Si tratta di un'iniziativa finanziata da Pon-Metro e dal Pod "Venezia in classe A", oltre che, in passato, dal progetto europeo Pumas. Attraverso i progetti "Bike to school" o "Tutti a scuola in bici o a piedi" si promuovono tra gli studenti e i genitori delle scuole primarie percorsi casa-scuola "sostenibili", da percorrere quindi in bicicletta o a piedi. Obiettivo far sì che gli alunni, soprattutto quelli che di solito prediligono l'uso dell'auto e che raramente raggiungono il proprio istituto a piedi o in bici, provino l'esperienza di raggiungere, almeno per un giorno, la propria classe in compagnia di altri compagni.

A partire dal 7 maggio gli alunni delle 12 scuole iscritte al progetto sono stati invitati a muoversi in gruppo da punti di partenza prestabiliti. Quel giorno è stata la volta della scuola Pellico di via Kolbe a Mestre, l'indomani, poi, è stato il turno della scuola Battisti di via Cappuccina, quindi, mercoledì 9 maggio, dela scuola Parolari di Zelarino. La settimana scorsa è stata la volta invece della scuola primaria Querini, in zona Piraghetto e della scuola Santa Barbara, tra via Miranese e la Gazzera. Oggi, accompagnati dalla pioggia, è stato il turno della scuola Colombo di Chirignago mentre domani e nei giorni a seguire saranno coinvolte nell'iniziativa le scuole Povoledo, Filzi, Fusinato, Calamandrei, Grimani e Visintini.

Hanno dato il proprio supporto la Polizia locale e alcuni volontari della Fiab di Mestre, nei giorni e nei punti concordati, oltre che genitori e insegnanti delle scuole. Presente anche il personale dell'ufficio che si occupa di mobilità scolastica.



Commenti disattivati

WhatsApp chat
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: